mariana

di Mariana Padriali, psicologa in Chiavari, che ringraziamo.

“Così come a scuola ogni nuova parola diventa più facile da pronunciare, da scrivere e da ricordare, con la musica, il bambino è felice della sua nuova capacità di esprimersi e di comunicare con gli altri in forma diversa. La musica offre uno spazio dove potere elaborare e vivere le proprie emozioni: forti, calmi, gentili, turbolenti, senza limite, sopraffatti, aggressivi, ma in un ambiente dove possono sentirsi sicuri, dove c’è contenimento, ma anche liberi di sperimentarsi e pensarsi in relazione con l’altro. Chi sceglie uno strumento piuttosto che un altro, trovandone uno dove rappresentare il proprio stato d’animo, con la possibilità però di riflettere e percepire le proprie emozioni. Gli strumenti, le parole degli insegnanti hanno un incredibile potere di contenimento, offrendo al bambino il confine di cui ha bisogno. Attraverso la musica, possiamo favorire l’autonomia e la creatività ma nello stesso tempo la cooperazione ( pensiamo ai giochi musicali d’insieme, al cantare in coro, all’animazione e alla drammatizzazione) e incoraggiamo dunque alla socializzazione e alla collaborazione. Per questo penso che sia importante riflettere sulla valenza formativa di un lavoro sulla musica già dalla Scuola dell’Infanzia.”

Mariana Padriali